Questa volta la storia comincia da molto lontano. Siamo sul finire

Umberto Fornito con la madre

dell'Ottocento, il secolo del Risorgimento

e dell'Unitā d'Italia, quando nonno Giuseppe Fornito apre la sua pizzeria a Frattamaggiore. Si lavora all'antica: impasto a forza di braccia, piatti di alluminio e nel menų solo tre pizze.

Poi a cavallo delle due guerre č la volta di Pasquale. Lo ricordano con la sua "stufa", in giro per Fratta; altro che pizza a domicilio, la si consumava in piedi, per

strada. La sua magica stufa poteva contenere

Chi č Umberto Fornito

 

          

fino a trenta pizze, leggermente pių morbide per effetto del vapore che si sviluppava, ma ugualmente gustose e con quel delizioso profumino.Il buon Pasquale scarpinava anche per le campagne, i braccianti che lavoravano la canapa (a quei tempi Frattamaggiore era famosa per i filatori di canapa, una tradizione ormai perduta) erano tutti suoi clienti "Guagliō arriva Pasquale 'o pizzaiuolo"; era il momento buono per lasciare il lavoro e gustare quelle pizze, calde e fatte come Dio comanda.

 

Sono passati tanti anni da allora, oggi Umberto Fornito, rappresenta la terza generazione di questi famosi "pizzaiuoli" frattesi; un pezzo di storia, che testimonia come la pizza sia diventata simbolo di chi ha lottato per mantenere la tradizione, contribuendo a costruire la storia del piatto pių famoso al mondo.

 

La 5° generazione dei Fornito

 

 

 

 

Home

Antica Pizzeria Frattese