Chi è Umberto Fornito

A 16 anni è via di casa, a fare il pizzaiolo in giro peril nord Italia: Busto Arstizio, Pavia, Siena. Per 10 anni lavora alla "Motta" come responsabile degli impasti (quelli del famoso Buondì), ma la pizza è sempre la sua passione. Alla sera e nei fine settimana è da qualche parte a sfornarle.Tutt'oggi Umberto parla spesso dei suoi inizi, quando la sera stanco si addormentava sui trucioli, o quando a 10 anni andava con la sua stufa in giro a vendere. Ricorda anche le prime pizze, un pò storte, un pò quadrate, qualcuna col buco, ma  alla fine il mestiere è stato conquistato.Poi il ritorno a casa, a Frattamaggiore.

C'era da rilanciare la pizzeria di famiglia, quella dove lui è nato e cresciuto.Nella vita di tutti c'è sempre un ritorno, quello di Umberto è stato vissuto come un'infinita emozione. Un'emozione che dura tutt'oggi e che diventa ancora più forte quando vede il nipotino (Umberto come lui) di appena due anni, con una sedia sotto le gambette per arrivare al banco, a imitare il nonno e smanettare con una pallina di impasto. Il colpo di polso che riesce ad imprimere, sottolinea uno stile già acquisito, insomma se il buon giorno si vede dal mattino la continuità è assicurata.

A completare il quadro familiare va menzionato anche Pasquale, la 4° generazione dei pizzaioli Fornito con "la Nuova Pizzeria Frattese" in via Matteotti.

Antica Pizzeria Frattese

Home

Menù
Storia
Chi è Umberto

Riconoscimenti

Sui giornali

Contatti

Preferiti

L'Arte della pizza